Home

La bacheca n°1

CHI E’ PERMALOSO NON E’ FELICE

Non tutti sono propensi ad accettare le critiche con il sorriso! Chi si sente attaccato, reagisce chiudendosi o, peggio, difendendosi in modo aggressivo, i permalosi, quelli che si risentono anche per gesti e parole che molti non trovano offensive.

La permalosità spinge a vivere sempre in difesa ed impedisce la gestione serena delle opinioni che gli altri hanno su di noi.
Cosa significa “Permaloso”? La parola deriva dalla locuzione latina per male, che significa “assai malamente” ed indica chi si offende facilmente, sospettando cattiveria dietro ogni parola o gesto degli altri, chi se la prende per un nonnulla e non sa stare agli scherzi. E’ un difetto da trattare con indulgenza? In realtà l’incapacità di gestire le situazioni può essere fonte di infelicità capace di deteriorare le relazioni interpersonali.

La persona permalosa, normalmente reagisce alla critica in due modi: replicando, con un atteggiamento tipico delle persone egocentriche (che tengono ad apparire sempre perfetti, precisi o addirittura infallibili) oppure rinchiudendosi in se stessi, tipico di chi ha necessità di conferme dagli altri, astenendosi dal rivolgere la parola a chi li ha offesi. 

Così, il permaloso vive sempre sotto attacco, temendo di non essere all’altezza della situazione.

Come migliorare le cose?

Gli psicologi sottolineano che è necessario lavorare per migliorare la propria autostima, acquisendo nuove competenze, migliorando l’aspetto fisico, ma tenendo presente che per quanto ci si possa impegnare, non si può cambiare in toto. 

Guardando le critiche con diversa prospettiva, come un modo per migliorare se stessi.

Interpretando i giudizi in modo neutro (una critica rivolta a un gesto e non alla persona nel suo insieme) e rispondendo alle critiche in modo assertivo, prima recuperando la calma, poi replicando con cortese determinazione all’obiezione. 

Chi ha a che fare con un permaloso può usare pazienza e gentilezza, ma se proprio non si può fare a meno di tirargli le orecchie, ricordiamo sempre che nessuno vuole ferirlo e che la fiducia in lui e nelle sue capacità è sempre valida.

(10 Giugno 2021)

MARGHERITA MARIANI

Interviste

Tag:, , ,