Home

La bacheca n°1

I CHIP DI ELON MUSK

Neuralink è un progetto tanto avveniristico quanto tecnologicamente avanzato, tramite il quale si punta a monitorare e controllare il cervello degli esseri viventi tramite l’intelligenza artificiale.

Elon Musk, multimiliardario innovatore visionario e creatore di Neuralink, procede speditamente nella ricerca. È riuscito ad impiantare un chip nel cervello di una scimmia e, dopo aver preso visione delle reazioni dell’animale, ha sottolineato tutto con la battuta: ”Ora gioca ai videogiochi! Sembra davvero felice!”

“Abbiamo già una scimmia con un impianto wireless implementato nel cranio, che le permette di giocare ai videogiochi usando la mente” queste le parole di Musk.
“Una delle cose che stiamo cercando di studiare è come far giocare le scimmie tra di loro in una versione cerebrale di Pong. “.
In un video pubblicato nel 2020, Neuralink mostrava una analoga tecnologia impiantata su un maiale, Gertrude. Il chip installato nel suo cervello ed in grado di connettersi a un computer tramite un cavo USB-C, trasmetteva dati sull’attività cerebrale dell’animale.

Nel caso della scimmia, invece, l’implementazione di Neuralink è diversa.
È wireless e non c’è più la connessione al PC, per evitare infezioni e ripercussioni sulla salute della scimmia. I cavi esterni sono stati eliminati ed esteriormente non si evidenzia più la presenza del chip all’interno della testa.
Inoltre non è più possibile raccogliere una grande mole di dati sul funzionamento del suo cervello.

Ma non è tutto, il grande sogno di Musk, il più ambizioso, lo ha scritto in un recente tweet, in cui ha ammesso che Neuralink sta lavorando insieme alla FDA per inserire un chip anche nel cervello umano e di voler iniziare la sperimentazione entro la fine di quest’anno!
Lo scopo è quello di permettere alle persone di regolare l’umore, tramite il bilanciamento dei livelli ormonali nell’ipotalamo. La nuova tecnologia potrà controllare le emozioni della gente, emettendo onde con una frequenza e ampiezza superiori a quelle naturali. Naturalmente Musk non parla solo di emozioni e di umore, ma anche di particolari connessioni tra computer e cervello umano. Pensa che l’utilizzo di questa tecnologia sia utile anche per fare il “backup” della memoria di un essere umano, fino ad arrivare all’obiettivo ultimo che consiste nell’arrivare a curare danni al cervello o alla spina dorsale.


Insomma, assisteremo al più avanzato programma digitale di sempre… ma siamo sicuri che sia un vantaggio per gli uomini?

(12 Febbraio 2021)

MARGHERITA MARIANI

Interviste

Tag:, , , , , , ,